Un cappotto applicato correttamente e con i corretti materiali ha un’aspettativa di vita che può essere paragonata a quella dell’edificio su cui è applicato, ma non è raro imbattersi in cappotti realizzati con materiali scadenti o con una posa non corretta, molte volte dovuto all’impreparazione degli applicatori.

Sistemi coibenti non corretti possono presentare patologie di piccola o media entità, che possono ingenerare contenziosi e rendere necessario intervenire con manutenzioni di diverso genere, che possono andare dalla semplice sanitizzazione superficiale ad interventi più drastici come il peeling (rimozione per strappo) dello strato rasante o la sovrapposizione di ulteriori pannelli.

Le patologie più comuni che si possono riscontrare su sistemi isolanti esistenti, sono:

·       Presenza di lesioni, cavillature, fessure che comportano l’infiltrazione di acqua sotto il cappotto

·       Insufficienza dei tasselli di tenuta degli ancoraggi

·       Non corretta applicazione dei tasselli

·       Irregolarità della superficie del cappotto

·       Assorbenza della finitura di rivestimento

·       Presenza di muffe, efflorescenze, depositi, sporcizia superficiale

·       Degrado dell’omogeneità del colore

·       Degrado o difetti degli elementi critici quali: scossaline, gronde, griglie ed in generale tutti gli elementi che interrompono la continuità del cappotto

Lo staff tecnico di ANALISI TERMOGRAFICHE, avendo acquisito un’elevata esperienza nell’ambito della realizzazione e verifica di sistemi di coibentazione termica, con l’ausilio di una termocamera avente SuperResolution fino a 1280×960 pixel ed ulteriore strumentazione diagnostica in dotazione, esegue la verifica della corretta realizzazione dei cappotti termici.

Con l’ispezione termografica lo staff di ANALISI TERMOGRAFICHE, procede rapidamente ed in modo assolutamente non invasivo alla verifica della corretta realizzazione del cappotto termico, permettendo al committente di tutelarsi da possibili problemi futuri la cui risoluzione può comportare costi elevati.

L’ispezione termografica professionale, permette di verificare:

·       Il corretto accostamento dei pannelli coibenti e la presenza di fughe aperte

·       L’assorbenza di acqua

·       La correzione dei ponti termici della facciata

·       La corretta tassellatura dei pannelli

·       Il distacco del rasante

Un’ulteriore indagine, che in alcuni casi viene eseguita, è quella relativa alla misurazione igrometrica:

·        Con l’impiego dell’igrometro a microonde, idonea per verificare la presenza di acqua al di sotto del cappotto.

·        Con l’impiego dell’igrometro a contatto, idonea per valutare le eventuali problematiche derivanti dalla formazione di alghe e funghi sulla superficie del cappotto.

All’esito delle indagini è possibile fornire una relazione tecnico-diagnostica certificata, avente valore legale, che può essere impiegata anche nell’ambito del contezioso civile, ed anche a supporto di una Consulenza Tecnica d’Ufficio o Consulenza Tecnica di Parte.